Nella Gazzetta ufficiale del 21 settembre 2021 è stato pubblicato il Decreto Legge 127, che  dispone il Green pass obbligatorio per lo svolgimento di mansioni lavorative, con effetto dal 15 ottobre fino al 31 dicembre 2021,  e nuovi sostegni per lo sport.

ACCESSO DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO – I datori di lavoro saranno tenuti a verificare il possesso del green pass da parte dei lavoratori, fatti salvi gli esentati dalla vaccinazione. La verifica riguarderà anche i  soggetti, anche esterni, che svolgono a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o formativa presso le pubbliche amministrazioni.

Le disposizioni organizzative interne per effettuare le verifiche andranno definite dai datori di lavoro entro il 15 ottobre, individuando le figure dedicate alle verifiche, e seguendo le modalità definite da un apposito Dpcm.

Il Decreto dispone per i lavoratori privi di green pass lo status di assente senza diritto alla retribuzione, salvaguardando il posto di lavoro.  Prevista una sanzione variabile da 600 a 1500 euro per chi, privo del green pass, sarà trovato sul posto di lavoro. 

Per le aziende con meno di 15 dipendenti, dopo il quinto giorno di assenza è prevista la possibilità di sostituire temporaneamente il lavoratore privo di Certificato Verde, per un periodo massimo di 10 giorni ripetibile una sola volta entro il 31 dicembre 2021.

TAMPONI CALMIERATI – Le farmacie con i requisiti prescritti saranno tenute a somministrare i test antigenici rapidi applicando i prezzi definiti nel protocollo d’intesa siglato dal Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19, d’intesa con il Ministro della salute. I tamponi dovranno essere gratuiti per gli esentati dalla vaccinazione.

REVISIONI MIRATE DISTANZIAMENTO – In vista di successive modifiche, il Decreto chiede al Comitato Tecnico Scientifico ad esprimersi entro il 30 settembre sulla revisione delle condizioni di distanziamento, capienza e protezione nei luoghi nei quali si svolgono attività culturali, sportive, sociali e ricreative.

SOSTEGNI allo SPORT DI BASE – Disposto il riversamento nel Fondo a sostegno del movimento sportivo italiano delle somme non utilizzate per le indennità ai collaboratori sportivi.

Queste le  principali novità introdotte con il il Decreto Legge 127, di cui si raccomanda la lettura. Ulteriori approfondimenti saranno possibili  su questa pagina e, per i soggetti associati, tramite le sedi della Confesercenti di Pistoia e Montecatini Terme