La delegazione di Confesercenti Pistoia composta dal Presidente Provinciale Lorenzini Pier Luigi, dal Vice Presidente Luana Grazzini, dal Direttore Riccardo Bruzzani e dal Vice Direttore Stefano Giachetti, è questa mattina presente all’Assemblea elettiva quadriennale di Confesercenti Toscana.
Tale assemblea rappresenta il termine di una fase di ascolto e di riflessione che c’è stata in Toscana negli ultimi mesi e che ha visto decine e decine di assemblee di categoria e nel territorio.

Direzione Futuro per le imprese. Aperti per non chiudere più – Non vogliamo vivere di sussidi.

Nico Gronchi rieletto Presidente di Confesercenti Toscana

Dall’Assemblea elettiva toscana di Confesercenti, che ha rieletto all’unanimità Nico Gronchi come Presidente regionale, arriva un segnale di cambio di passo. Assemblea fortemente voluta in presenza, pur sfidando il contingentamento dei partecipanti, per essere anche tangibilmente a fianco delle imprese che vogliono ripartire.

Dopo una crisi spaventosa, che ha segnato un -9% del PIL il doppio della media mondiale, Nico Gronchi ha sottolineato in apertura i numeri che l’hanno caratterizzata: “183 miliardi di euro perduti nel 2020, di cui 137 nei consumi (ben 36 nel solo turismo) che hanno riportato il Paese ai livelli del 1997; 269 mila autonomi e simili ‘licenziati’ in una situazione che ha visto le imprese costrette a chiudere da un minimo di 70 a un massimo di 154 (154!!) per i pubblici esercizi, con i lavoratori che perdono il 10% delle unità, un debito pubblico alle stelle, e una povertà che sta toccando fasce sociali sempre più larghe”. “In Toscana è andata anche peggio – ha proseguito il Presidente di Confesercenti Toscana -: PIL a -12%, 5.000 imprese che mancano all’appello, 23.000 posti di lavoro persi, soprattutto donne e under 30, produzione industriale a -14,6% Servizi a -11,4%”.

Gronchi ha poi approfondito sul fronte della ripresa e dei primi fattori positivi dove “l’Europa ha cambiato passo, lo Stato ha cambiato passo, il credito è stato reso disponibile. Con l’ingresso in zona bianca si vede una luce ancora fioca che si chiama ‘ripartenza’”.

Di seguito le proposte del Presidente Gronchi per la ripresa:

* Stimolo ai consumi che in Italia valgono il 60% del PIL;

* Riequilibrio concorrenza, interventi sul dumping fiscale e seria web tax globale;

* Riforma fiscale che si scarica con un total tax rate di oltre il 65% sulle imprese;

* Decontribuzione e di detassazione per chi mantiene e incrementa l’occupazione;

* Sostegni ai Consorzi di Garanzia;

* Svolta digitale delle piccole imprese attraverso il PNNR;

* Più risorse per un più efficace ed attrattivo “appeal turistico”

* Valorizzare il commercio, il legame con i luoghi la rigenerazione urbana.

Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani

Direttore regionale Massimo Biagioni