Il Comune destini l’imposta di soggiorno per aiutare aziende in difficoltà

Lunedì pomeriggio una delegazione di albergatori aderenti ad Assohotel ha incontrato il sindaco Luca Baroncini e l’assessore Emiliano Corrieri per parlare nuovamente della Tari. E’ stato fatto un primo sforzo con la concessione di talune riduzioni, ma questo non è a nostro avviso sufficiente.

Molti alberghi hanno infatti aperto in questa stagione solo per pochi giorni, altri sono sempre rimasti chiusi e le riduzioni messe in campo sono veramente irrisorie rispetto all’importo delle fatture che i nostri associati si trovano da pagare entro il 30 settembre.

I problemi sono molteplici da entrambe le parti, ma in questo momento il nostro interesse è quello di aiutare le imprese ed evitare la loro chiusura definitiva. L’ultimo decreto ha riconosciuto ai Comuni un contributo per il mancato incasso dell’imposta di soggiorno e noi abbiamo chiesto che questo venga speso per aiutare le imprese.

Siamo consapevoli che anche i bilanci comunali siano in sofferenza, ma senza imprese il prossimo anno lo saranno ancora di più. Non possiamo aspettare la concessione di una bolletta di importo inferiore solo nel 2021: la mancanza di liquidità è oggi.

Il sindaco ha promesso di parlare con l’ufficio contabilità per capire i margini di manovra e l’importo che possa essere stornato. Inoltre abbiamo concordato di lavorare insieme nei confronti della Regione in quanto la questione rifiuti è una problematica di livello regionale. Nei prossimi giorni ci muoveremo insieme anche su questo fronte.