Con ordinanza della Regione Toscana, la Provincia di Pistoia è in zona rossa da sabato 27 a domenica 7 marzo.

Vi anticipiamo le principali  novità rispetto alla zona arancione

COSA CAMBIA CON IL PASSAGGIO IN ZONA ROSSA

– VIETATO OGNI SPOSTAMENTO ANCHE ALL’INTERNO DEL COMUNE.
É vietato ogni spostamento, anche all’interno del proprio Comune, in qualsiasi orario, salvo che per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. 
Sono altresì vietati gli spostamenti da un Comune all’altro.
Sono comunque consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita. 

– SPOSTAMENTI VERSO ALTRE ABITAZIONI
Fino al 27 marzo 2021, nelle zone rosse, non sono consentiti gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria, salvo che siano dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute.

– CHIUSE LE ATTIVITÀ COMMERCIALI
Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità

Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie, le librerie e tutte le attività che trovi QUI allegato 23 del DPCM del 15 gennaio scorso 

Le medie e grandi strutture di vendita, anche i centri commerciali, possono rimanere aperti purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività e fermo restando le chiusure nei giorni festivi e prefestivi.

Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari.

– SERVIZI ALLA PERSONA
Restano aperte le attività di lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia, lavanderie industriali, tintorie, Servizi di pompe funebri e attività connesse, servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere ed estetiste.

– ATTIVITÀ MOTORIA SOLO IN PROSSIMITÀ DELLE ABITAZIONI
È consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie; è altresì consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto e in forma individuale.

– DIDATTICA A DISTANZA DALLA SECONDA MEDIA
La didattica in presenza resterà valida per le scuole dell’infanzia, della scuola primaria e del primo anno di frequenza della scuola secondaria di primo grado.
Dal secondo anno di scuola secondaria di primo grado le attività scolastiche e didattiche si svolgono esclusivamente con modalità a distanza.
Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori  o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.

Nb:

Per le attività di ristorazione, nulla cambia rispetto la zona Arancione, ovvero è sempre vietato consumare cibi e bevande all’interno dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione (compresi bar, pasticcerie, gelaterie etc.) e nelle loro adiacenze.

  • Dalle 5.00 alle 22.00 è consentita la vendita con asporto di cibi e bevande, come segue:
    – dalle 5.00 alle 18.00, senza restrizioni;
    – dalle 18.00 alle 22.00, è vietata ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina (e altri esercizi simili – codice ATECO 56.3) o commercio al dettaglio di bevande (codice ATECO 47.25).