Confesercenti Pistoia

Nuove sanzioni in materia di etichettatura di calzature e prodotti tessili

Dal 4 gennaio 2018 è in vigore il D. Lgs. 15 novembre 2017, n. 190. Il decreto, facendo salve le disposizioni in materia di sicurezza generale dei prodotti e pratiche commerciali scorrette di cui al D. Lgs. n. 206/2005, reca la disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui:

– alla direttiva 94/11/CE concernente l’etichettatura dei materiali usati nelle principali componenti delle calzature destinate alla vendita al consumatore;

– al regolamento (UE) n. 1007/2011 relativo alle denominazioni delle fibre tessili e all’etichettatura e al contrassegno della composizione fibrosa dei prodotti tessili.

Il nuovo apparato sanzionatorio vuole garantire al consumatore un’informazione corretta e consapevole sulla composizione del prodotto e, al contempo, costituisce strumento di tutela per il “Made in Italy” e di valorizzazione delle caratteristiche produttive dei materiali impiegati.

Calzature
  • La Direttiva 94/11/CE disciplina l’etichettatura dei materiali usati nelle principali componenti delle calzature;
  • L’art. 3 del D. Lgs. 190/2017 detta una serie di sanzioni per la violazione dell’articolo 4 della sopra citata direttiva CE e, in particolare, prevede che:
  1. E’ soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da 3.000 euro a 20.000 euro (salvo che il fatto costituisca reato) il fabbricante o l’importatore che immette sul mercato calzature prive di etichetta;
  2. E’ soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da 700 euro a 3.500 euro (salvo che il fatto costituisca reato) il distributore che mette a disposizione sul mercato calzature prive di etichetta;
  3. E’ soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da 1.500 euro a 20.000 euro (salvo che il fatto costituisca reato) il fabbricante o l’importatore che immette sul mercato calzature: con composizione diversa da quella dichiarata in etichetta, relativamente ai materiali usati nei principali componenti delle calzature specificati nell’allegato I della Direttiva 94/11/CE; con etichetta non conforme a quanto disposto dall’art. 4, commi 1,2,3,4, della Direttiva 94/11/CE;
  4. E’ soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da 1.500 euro a 20.000 euro (salvo che il fatto costituisca reato) il fabbricante o l’importatore che utilizza una lingua diversa dall’italiano o da altra lingua ufficiale dell’UE;
  5. E’ soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da 200 euro a 1.000 euro (salvo che il fatto costituisca reato) il distributore che mette a disposizione sul mercato le calzature violando l’obbligo di informare correttamente il consumatore finale del significato della simbologia (relativa al materiale di composizione di tomaia, rivestimenti interni e suola) adottata sull’etichetta.
Prodotti tessili
  • Il Regolamento UE n. 1007/2011 disciplina le denominazioni delle fibre tessili, l’etichettatura e il contrassegno della composizione fibrosa dei prodotti tessili;
  1. L’art. 4 del D. Lgs. 190/2017 detta una serie di sanzioni per la violazione delle disposizioni E’ soggetto a sanzione amministrativa pecuniaria da 3.000 euro a 20.000 euro (salvo che il fatto costituisca reato) il fabbricante o l’importatore che: commercializza un prodotto tessile in cui manca del tutto l’etichetta o il contrassegno recanti i dati relativi alla composizione fibrosa; commercializza un prodotto tessile la cui composizione fibrosa dichiarata in etichetta non corrisponda a quella dichiarata nel documento di accompagnamento;
  2. E’ soggetto a sanzione amministrativa pecuniaria da 3.000 euro a 20.000 euro (salvo che il fatto costituisca reato) il distributore che immette sul mercato un prodotto tessile privo dell’etichetta o del contrassegno recanti i dati relativi alla composizione fibrosa;
  3. E’ soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da 1.500 euro a 20.000 euro (salvo che il fatto costituisca reato) il fabbricante o l’importatore che commercializza un prodotto tessile con etichetta riportante denominazioni delle fibre diverse da quelle dell’allegato I del Regolamento UE n. 1007/2011, espresse in sigle in ordine non decrescente, non in lingua italiana oppure riportanti in modo errato la frase “Contiene parti non tessili di origine animale”.

Sia nel caso di calzature che di prodotti tessili, ove l’autorità di vigilanza rilevi che i prodotti sono privi di etichettature o che l’etichettatura non è conforme alla direttiva 94/11/ CE o al Regolamento UE 1007/2011, previo accertamento e contestazione delle violazioni, ai sensi della Legge n. 689/1981 assegna un termine perentorio di 60 giorni al fabbricante o al suo rappresentante o al responsabile della prima immissione in commercio dei prodotti (tale obbligo non grava sul rivenditore che non si trovi in una di queste posizioni), per la regolarizzazione dell’etichettature o il ritiro dei prodotti dal mercato (pena la sanzione amministrativa pecuniaria da 3.000 euro a 20.000 euro).

Autorità di accertamento ed irrogazione delle sanzioni

In vigore dal 4 gennaio 2018    L’accertamento delle violazioni delle disposizioni di cui al presente decreto è svolto dalle Camere di commercio, industria artigianato e agricoltura territorialmente competenti, nonché dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli.

All’accertamento delle violazioni di cui al presente decreto provvedono inoltre gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria.

Le sanzioni amministrative sono irrogate dalle Camere di commercio, industria artigianato e agricoltura territorialmente competenti.

 

Dal 4 gennaio sono abrogate:

 

– le sanzioni previste dall’art. 15 del D. Lgs. n. 194/99;

– le sanzioni di cui all’art. 25 della legge n. 883/73;

 

Vigilanza del mercato

In vigore dal 4 gennaio 2018     Le funzioni di autorità di vigilanza del mercato sono svolte dal Ministero dello sviluppo economico che le esercita avvalendosi delle Camere di commercio, industria artigianato e agricoltura, ed eventualmente della collaborazione dei propri uffici territoriali, nonché della collaborazione del Corpo della Guardia di finanza.

 

Share

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendotia alla newsletter di Confesercenti Pistoia potrai essere sempre informato su tutte le novità.
Leggi la nostra Privacy policy

Privacy policy