Presentata l’indagine esplorativa sugli esercizi del commercio, del turismo e dei servi della provincia di Pistoia.

Il questionario. L’indagine qui presentata La raccolta dei dati è avvenuta attraverso la somministrazione di un questionario diffuso via web (CAWI). Il questionario presentava domande volte a inquadrare la situazione socio-lavorativa dei rispondenti, gli effetti del lockdown sul loro lavoro, le opinioni sulle misure proposte dalla politica e le strategie per il
futuro. I questionari raccolti sono stati 250, di cui 190 completati interamente.
Gli obiettivi dell’indagine. Attraverso il questionario, abbiamo voluto cogliere la voce dei cittadini e in particolare degli imprenditori. Attraverso il quadro della situazione socioeconomica della Provincia di Pistoia che emerge dalle loro risposte, è possibile farsi un’idea degli effetti di breve e, prevedibilmente, di medio-lungo periodo che la pandemia ha avuto sulle
attività commerciali e di servizio della provincia di Pistoia.
La logica dell’indagine. Dati gli obiettivi posti, l’indagine si concentra principalmente su quei settori di attività che rientrano all’interno della tradizionale base associativa di Confesercenti: attività commerciali, turistiche, artigianali e di servizio al cliente. In totale, i rispondenti che
svolgono un lavoro autonomo o imprenditoriale in questi settori sono 139. Nella sezione Riflessi economici della pandemia e ogni qual volta si considera la divisione per settori, l’indagine fa esclusivamente riferimento a questo gruppo di persone. All’interno di questo gruppo, altrettanta importanza è stata data all’area geografica in cui si trova la sede operativa
dell’impresa: l’84% di questo gruppo opera nella provincia di Pistoia.

LEGGI L’INDAGINE