Bene superamento ATECO. Le risorse sono insufficienti.  Alle imprese familiari pochi spiccioli. Servono nuovi consistenti interventi di sostegno. A maggior ragione per la PROVINCIA di Pistoia che è rossa dallo scorso 27 febbraio e non si sa ancora per quanto.  Bisogna curare davvero la salute delle persone con un piano di vaccinazione intenso e rapido e la salute delle imprese con consistenti sostegni.

Gli imprenditori sono delusi. Con queste misure non si coprono neppure i costi fissi delle imprese. Confesercenti ha stimato la necessità di almeno altri 18 miliardi di euro soltanto per recuperare una soglia minima del 10% delle spese.

Una scarsità di risorse inaccettabile e che è evidente soprattutto per le imprese familiari, in media di minori dimensioni: sommando tutti i ristori, un’attività che fatturava 100mila euro nel 2019 e ne ha persi 80mila nel 2020 otterrà in tutto tra i 6 e i 7mila euro. E se per caso non avesse ricevuto le prime tranche, perché esclusa dal codice ATECO, riceverebbe in tutto appena 4mila euro: il 5% delle perdite.

Serve un vero cambio di passo con un ulteriore scostamento di bilancio e per erogare alle imprese adeguati sostegni per il 2021. Questo ci saremmo aspettati e ci aspettiamo al più presto.

Valuteremo con attenzione i contenuti e la ricaduta delle misure riguardanti le imprese del turismo e della Montagna, appena avremo gli elementi di conoscenza necessari.