Utilizzare la procedura del click day, in questa fase emergenziale, per consentire ai lavoratori autonomi e ai professionisti di richiedere l’indennità di 600 euro prevista dal decreto “Cura Italia” è assolutamente impensabile.  

A una crisi straordinaria si risponde con misure straordinarie e mirate.  Oltretutto, In un momento critico come questo, lo strumento non metterebbe tutti i potenziali richiedenti nelle stesse condizioni per potervi accedere, poiché è evidentemente legato alla connettività che nel Paese – e anche nel nostro territorio provinciale – purtroppo, non è omogenea.

Confesercenti si è dunque opposta con decisione a un’eventualità di tal genere che, tradotta in termini pratici, sarebbe stata una vera e propria roulette. Tutti i commercianti e pubblici esercizi che oggi sono chiusi – e anche la provincia di Pistoia sta pagando un prezzo altissimo – hanno diritto al bonus.

Per la modalità di richiesta indennizzo non ci sembra opportuno aggiungere difficoltà a interi settori dell’economia produttiva già così fortemente danneggiati, significherebbe vanificare gli sforzi finora messi in campo dal Governo per gestire l’emergenza sanitaria ed economica.

Confesercenti Pistoia ci tiene inoltre a precisare che non appena ci saranno provvedimenti ufficiali per i quali verranno stabilite con esattezza le procedure per richiedere l’indennità di 600 euro previste dal Decreto “Cura Italia”, nonché i soggetti beneficiari, i nostri uffici provvederanno tempestivamente ad informare le imprese.