Stiamo studiando il decreto “Cura Italia” del Governo. Confesercenti Pistoia ribadisce il giudizio critico e di insufficienza del provvedimento. Le nostre imprese sono in grande parte chiuse e siamo molto preoccupati sulla loro possibilità di resistenza. Giudizio oggettivo che intendiamo affermare anche nei prossimi incontri con la Regione Toscana. Occorre un impegno più forte per salvare l’economia, ritenendo ovviamente prioritaria l’emergenza sanitaria. L’Europa deve scendere in campo con determinazione e visione lungimirante. Bisogna infondere fiducia agli imprenditori che sono i primi a non mollare, ma il loro coraggio deve essere davvero sostenuto. Sia chiaro che non salvare le imprese oggi aggraverà enormemente il rischio ed il livello della recessione economica.

Il nostro dovere di rappresentanza è comunque di stare sul pezzo per l’applicazione delle norme a favore delle imprese del commercio e del turismo. Desideriamo ringraziare pubblicamente la disponibilità dei nostri dipendenti. Abbiamo costituito una task force a riguardo. E’ nostro dovere essere a disposizione di soci e imprese. I principali titoli del decreto che riguardano le imprese che rappresentiamo:

  • Credito d’imposta per botteghe e negozi
  • Trattamento di assegno ordinario per i datori di lavoro
  • Misure a sostegno della liquidità attraverso il sistema bancario e di sostegno finanziario alle piccole e medie imprese
  • Sospensione termini e adempimenti fiscali e contributivi
  • Sostegno del lavoro con l’estensione delle misure speciali della cassa integrazione – durata 9 settimane – periodi dal 23 febbraio al 31 agosto
  • Proroga dei termini domande di disoccupazione (naspi)
  • Indennità lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali
  • Indennità lavoratori con rapporto di collaborazione

I nostri uffici competenti comunicheranno ai soci e alle imprese le modalità di attuazione delle pratiche per ottenere le misure di sostegno. Questo per valutare e approfondire la specificità e i bisogni di ogni  singola impresa. Sono attivi i numeri telefonici 0573/92771 – 0572/95721; email: confpistoia@confesercenti.pistoia.it

17 marzo 2020